Igienizzazione e dispositivi di protezione anti-covid19 per la riapertura delle toelettature

Riapertura toelettatura

La riapertura delle toelettature per cani e gatti in Italia: dove e quando

Con il nuovo DPCM del 26 aprile 2020 è stata stabilita la riapertura di alcune attività lavorative purché possa essere garantito il rispetto delle norme sul distanziamento sociale e sull'uso dei dispositivi di protezione e degli strumenti di igienizzazione. In particolar modo, nell'ottica della piena collaborazione tra Stato e Regioni, vista e considerata la differenza dell'andamento della curva dei contagi nelle diverse regioni in Italia, tanti presidenti e governatori stanno emanando norme per ampliare il novero delle attività commerciali che potranno riaprire dal 4 maggio e le toelettature per cani e gatti sono incluse tra queste.

Riportiamo dunque l'elenco delle regioni che hanno disposto l'apertura delle toelettature con le relative norme in materia di prevenzione del contagio:

FRIULI VENEZIA GIULIA

Decisione del 17 aprile della Direzione centrale salute e politiche socialiSi autorizza la riapertura delle toelettature per cani, purché il servizio venga svolto per appuntamento, senza il contatto diretto tra le persone, e comunque in totale sicurezza nella modalità 'consegna animale-toelettatura-ritiro animale', utilizzando i mezzi di protezione personale e garantendo il distanziamento sociale”.

VENETO

Nota 27 aprile del Direttore-Coordinatore dell’Unità di Crisi  riapre le toelettature come attività di interesse pubblico. Anche in questo caso sembra che il servizio debba essere svolto per appuntamento, rispettando il distanziamento e tramite l'uso dei mezzi di protezione sociale.

EMILIA ROMAGNA

Ordinanza n.69 del 24 aprile, punto 3“A far data dal 27 aprile 2020 è consentita l’attività da parte degli esercizi di toelettatura degli animali di compagnia, purché il servizio venga svolto per appuntamento, senza il contatto diretto tra le persone, e comunque in totale sicurezza nella modalità 'consegna animaletoelettatura-ritiro animale', utilizzando i mezzi di protezione personale e garantendo il distanziamento sociale”.

LIGURIA

L'Ordinanza n.22 interviene ai punti 4, 10 e 11 sulla riapertura delle toelettature per appuntamento, sui centri di allenamento e addestramento di cavalli e cani.

LAZIO
La Nota del 23 aprile della Direzione Generale Salute della Regione permette esplicitamente le attività di toelettatura e quelle finalizzate all’affido di animali dando al Gestore/Titolare della struttura, d’intesa con il Presidente dell’associazione di volontariato autorizzata (laddove presente), di individuare un Protocollo operativo validato dalla Asl veterinaria o dal Comune anche ai fini della motivazione degli spostamenti.

PUGLIA

Ordinanza n. 214 del 28 aprile “Sino al 17 maggio 2020, è consentita l’attività da parte degli esercizi di toelettatura degli animali, purché il servizio venga svolto per appuntamento, senza il contatto diretto tra le persone, e comunque in totale sicurezza nella modalità “consegna animale toelettatura - ritiro animale”, utilizzando i mezzi di protezione personale e garantendo il distanziamento sociale.

SICILIA

L'Ordinanza n. 18 del 30 aprile 2020 all'articolo 5 stabilisce che "È consentita, altresì, l'attività di tolettatura degli animali, purchè il servizio sia svolto previo appuntamento e senza alcun contatto diretto tra le persone mediante la modalità “consegna dell'animale, tolettatura – ritiro dell'animale”. Devono essere garantiti dall'esercente tutti i dispositivi di protezione individuale ed il distanziamento interpersonale".

LOMBARDIA E CAMPANIA
Sembra che anche in queste regioni le pressioni stiano facendo ragionare sulla possibilità di aprire le toelettature, tuttavia sebbene qualche sporadica indiscrezione non è stato emanato alcun atto normativo che ne faccia menzione.

L'uso dei dispositivi di protezione e gli strumenti di igienizzazione

Mascherine, visiere e guanti

mascherine in toelettatura

L'uso della mascherina sarà sicuramente obbligatorio e probabilmente dovrà essere tenuta durante tutta la durata della toelettatura. Clama propone un prodotto sicuro e lavabile che garantisca protezione ma anche praticità d'utilizzo. La nostra mascherina riutilizzabile ( CV 1), risponde alle normative di legge avendo ottenuto la dichiarazione di conformità CE come Dispositivo Medico Classe I (normativa UNI EN 14683:2019 – maschere facciali ad uso medico).

MASCHERINA Clama

FATTORE DI PROTEZIONE
Il poliestere garantisce un grado di filtrazione ≥ 95%

CLASSE MEDICA
Le mascherine chirurgiche, per essere sicure secondo le indicazioni del Ministero della Salute, devono essere prodotte nel rispetto della norma tecnica UNI EN 14683:2019 che prevede caratteristiche e metodi di prova indicando i requisiti di:

  • resistenza a schizzi liquidi
  • traspirabilità
  • efficienza di filtrazione batterica
  • pulizia da microbi

MATERIALI E CARATTERISTICHE
La mascherina è realizzata interamente in tessuto poliestere anallergico OECO-TEX®, 100% latex free, con ancoraggio tramite elastico integrato che permette un posizionamento rapido, sicuro e confortevole. Grazie alle caratteristiche uniche del tessuto OECO-TEX®, ha un’adattabilità intrinseca all’anatomia di ogni utilizzatore, garantendo comunque un’elevata resistenza meccanica. Il tessuto conferisce al presidio elevata capacità traspirante facilitando la respirazione senza comprometterne la sicurezza, evitando quindi continui riposizionamenti causati da eccessiva sensazione di respiro affannoso. Il dispositivo medico non è sterile ed è riutilizzabile. La mascherina è antimacchia, anti-umido e idrorepellente, pertanto efficace sia come sistema di protezione in ambienti potenzialmente contaminati e/o affollati, sia come valido ausilio per la sicurezza del lavoratore a rischio di contatto con liquidi polveri ed altri agenti potenzialmente dannosi alla salute. E’ un prodotto Made In Italy, sviluppato da riconversione per emergenza COVID19 di azienda tessile italiana, interamente fatto a mano in ambienti opportunamente ricondizionati e riqualificati per produzione in condizioni sanificate secondo le normative del Ministero della Salute.

L’utilizzo di un presidio riutilizzabile contribuisce a ridurre l’impatto ambientale per lo smaltimento dei rifiuiti.

USO DEL DISPOSITIVO
Lavare ed igienizzare al primo utilizzo per ragioni di sicurezza ed igiene e ripetere l’operazione dopo ogni utilizzo:

  • Rimuovere la mascherina dalla confezione.
  • Igienizzare le mani lavandole abbondantemente con acqua e sapone.
  • Verificare che la mascherina sia pulita ed igienizzata.
  • Indossare la mascherina posizionando uno alla volta gli elastici dietro le orecchie
  • Deve essere applicata posizionando la superficie liscia a contatto e protezione delle vie aeree (naso e bocca); la superficie manopesca deve essere rivolta verso l’ambiente esterno.
Mascherina esterno
ESTERNO
Mascherina esterno
INTERNO

PULIZIA E DISINFEZIONE
Può essere lavata in lavatrice o sterilizzata in autoclave senza deterioramento del tessuto e delle caratteristiche protettive.

  • Utilizzo garantito fino a n.50 cicli in lavatrice con detersivi per consueto uso domestico (evitare detergenti corrosivi/aggressivi)
  • Dispositivo sterilizzabile in autoclave per uso ospedaliero o privato – massimo 5 cicli
  • Il prodotto può essere lavato in lavatrice con una temperatura fino a 60°C con detersivi igienizzanti da casa
  • Non candeggiare
  • Non mettere in asciugatrice
  • Non stirare

DATI TECNICI

  • Tessuto mascherina: 100% poliestere
  • Dimensioni (mm): 110 x 190
  • Strati: 1
  • Peso (gr): 135 gr/mq tolleranza +/- 5%
  • Colore: bianco
  • Conforme alla direttiva 93/42/CEE e 2007/47/CE
  • Etichetta con simboli secondo la normativa EN 15223-1

CONSERVAZIONE
Prima di conservare il dispositivo medico verificare che sia pulito. Conservare il dispositivo medico in ambienti interni freschi, lontano da agenti atmosferici e getti di vapore. Conservare il dispositivo medico lontano da fonti di calore, fiamme libere e dal diretto irraggiamento del sole. Dopo l’utilizzo, riporre la mascherina lavata e completamente asciugata all’interno di un contenitore, al riparo dalla luce solare diretta, da agenti atmosferici, fonti di calore, dalla polvere, liquidi ed umidità.

SMALTIMENTO
Al termine dell’utilizzo del dispositivo medico procedere con il suo smaltimento. I materiali di costruzione dei dispositivi medici non richiedono particolari procedure di smaltimento. È necessario fare riferimento alle norme locali per lo smaltimento dei rifiuti in indifferenziati. Non disperdere o abbandonare per alcuna ragione il prodotto all’ambiente.

 

 

Guanti monouso

MASCHERA IGIENICA CON VISIERA

Realizzata in PET antibatterico, anti-appannamento, impermeabile e antipolvere. Da abbinare alle mascherine monouso. Per il lavaggio risciacquare con acqua e sapone e asciugare con un panno morbido.

Maschera con visiera dettagli
Maschera con visiera

Dispenser con gel igienizzanti e plexiglass autoportanti

Dispenser da 500 ml automatico con sensore di movimento, struttura in metallo autoportante, con vaschetta raccogli gel. Plexi glass trasparente da 4mm autoportante disponibile con e senza ruote e possibilità di personalizzazione.

dispenser
dispenser1
plexiglass alto

Gel e selviette igienizzanti

La pulizia e l'igiene delle mani è la raccomandazione più importante e la più ripetuta dall'inizio della diffusione del virus. L'uso di gel e salviette igienizzanti sia a casa ma soprattutto nei luoghi di lavoro è la regola numero uno per evitare il contagio. Clama propone una vasta scelta di gel igienizzanti a base alcolica da utilizzare senza acqua e perfetti per la detersione delle mani.

GEL IGIENIZZANTE DA 75ml

GEL 75 ML

GEL IGIENIZZANTE DA 300ml

GEL 300ML

SALVIETTE DETERGENTI

Per contattarci

Compila il form qui sotto.


Come possiamo aiutarti?

Per domande o richieste lascia un commento.