toelettature-per-cani-cuccioli

Toelettatura per cani: le normative e i consigli degli esperti 

Ti piacerebbe lavorare con gli animali e aprire una toelettatura? Oggi con un minimo impegno e qualche consiglio puoi aprire una toelettatura per animali, purché tu sia pronto a valutare con attenzione pochi ma fondamentali aspetti che ti permetteranno di aprire in tempi brevi un salone di toelettatura per cani e gatti. Dalla scelta del luogo ai permessi rilasciati dalla ASL, dall’acquisto dell’attrezzatura e alla formazione professionale, i consigli di Clama per fare business in questo settore e diventare toelettatori di successo.

In queste pagine puoi trovare una panoramica di tutto ciò che devi sapere per aprire una toelettatura, una semplice guida creata dai nostri esperti su questo variegato settore che va oltre il semplice lavaggio del cane.
Scoprirai come aprire una toelettatura e tutto ciò che occorre e come soddisfare i bisogni dei clienti, oggi sempre più esigenti, per la cura dei loro cari amici Pet.

Aprire una toelettatura oggi ha un ruolo fondamentale non solo per il benessere degli animali ma anche per le presentazioni ad Expo, dove la conoscenza delle tecniche, le attrezzature ed i prodotti faranno la reale differenza. Creare un centro all’avanguardia e con la giusta preparazione può essere il biglietto da visita che ti distinguerà tra gli altri. Scopri e confronta con noi cosa offre il mercato, quali gli sbocchi e cosa può far incrementare i tuoi guadagni. Se sei già un professionista del settore richiedici senza impegno i listini a te riservati per aggiornare o sostituire i tuoi vecchi impianti o per accedere alle nuove linee cosmetiche per semplificare il tuo lavoro.

Il nostro Team, sviluppato negli anni di dedizione a lavoro nel mondo della cinofilia, oggi può seguirti su:

  • Alimentazione
    (tipi di alimenti, le differenze degli alimenti, distinguere i prodotti, saper leggere un’etichetta)
  • Accessoristica
    (differenze dei materiali, cosa stai acquistando, cosa ti serve, cosa richiedono i clienti)
  • Expo
    (mostre di bellezza, preparazione del cane, prodotti dedicati, Handling)
  • Allevamento
    (toelettatura, alimentazione, normative, guida allo svilluppo)
  • Web e pubblicità
    (Sviluppo pagine commerciali, presentazioni aziendali, immagini coordinate, portali).

Vuoi aprire una toelettatura per cani? Requisiti, permessi e documentazione:

  • Aprire una toelettatura: definizione e termini
  • Come viene inquadrata la figura del toelettatore
  • Cosa richiede il Comune per aprire una toelettatura
  • Requisiti per l’esercizio dell’attività
  • Toelettatura: modalità di esercizio della professione

Aprire un’attività di toelettatura: definizioni e termini

Definizione a norma di legge: “La Toelettatura (o Tolettatura) è l’insieme di tutte quelle operazioni rivolte a mantenere pulito e ordinato il mantello di un animale da compagnia”. 
Per animale da compagnia si intende l’animale tenuto dall’uomo per compagnia o affetto, senza scopi produttivi o alimentari. Sono compresi quindi:

  • gli animali che svolgono attività utili per i disabili;
  • gli animali da pet-therapy;
  • gli animali impiegati in riabilitazione e pubblicità;
  • le specie in via di estinzione.

Ne restano esclusi gli animali impiegati dalle forze dell’ordine. 
Possiamo parlare di “tolettatura da esposizione”, quando un cane di razza da concorso cinofilo viene toelettato allo scopo di mettere in risalto le caratteristiche della razza di appartenenza. Per aprire una toelettatura è necessario il permesso del Comune, che viene rilasciato dopo il parere positivo dell’Ufficio Veterinario dell’Asur (Azienda Sanitaria Unica Regionale).

Il toelettatore: come viene inquadrato? Definizioni e mansioni

La figura del Toelettatore secondo la Classificazione delle attività economiche Ateco 2007 ha codice 96.09.04 e riguarda i Servizi di cura degli animali da compagnia (esclusi i servizi veterinari), in particolare: servizi di cura degli animali da compagnia quali: presa in pensione, toelettatura, addestramento, custodia; attività dei canili; attività dei dog-sitter; servizi degli accalappiacani. Ad oggi non esiste un albo dei toelettatori nè una certificazione che abiliti alla professione, ma chi intende avvicinarsi al mondo della toelettatura dovrebbe intraprendere un percorso formativo di settore prima di iniziare l’attività.

 

Toelettature

Requisiti soggettivi e oggettivi per l'apertura di una toelettatura

Cosa richiede il Comune per aprire una toelettatura: Per svolgere l’attività è necessario presentare la SCIA (ossia la Segnalazione Certificata di Inizio Attività) per toelettatura animali al SUAP (Sportello Unico per le Attività Produttive) come previsto dall’articolo 19 della Legge 07/08/1990, n. 241.

Requisiti soggettivi: requisiti previsti dalla normativa antimafia di cui al D. Lgs. 159 del 2011 e requisiti morali di cui al Regio Decreto 18/06/1931, n. 773 “Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza”

Requisiti oggettivi: I locali dove si svolge l’attività devono avere una destinazione d’uso compatibile con quella prevista dal piano urbanistico comunale. Devono essere rispettate le norme e le prescrizioni specifiche dell’attività, per esempio quelle in materia di urbanistica, igiene pubblica, igiene edilizia, tutela ambientale, tutela della salute nei luoghi di lavoro, sicurezza alimentare, regolamenti locali di polizia urbana annonaria.

Pur con notevoli differenze tra zona e zona, i criteri di valutazione non sono omogenei, le varie ASL sparse sul territorio nazionale ed i Comuni in esse compresi richiedono che gli impianti di toelettatura cani ed i locali in cui si svolge o si svolgerà la professione possiedano i seguenti requisiti:

  • certificazione dell’impianto idrico;
  • certificazione dell’impianto elettrico;
  • pareti lavabili ed igienizzabili (vernice lavabile o piastrelle);
  • piletta di scolo per le acque scure posta in prossimità delle vasche;
  • piccola sala d’attesa divisa dalla stanza di toelettatura;
  • superficie aereo-illuminante (porte e finestre apribili verso l’esterno) pari ad 1/10 della superficie calpestabile destinata alla toelettatura;
  • prese elettriche ed interruttori a tenuta stagna. Eventuali pompe di sollevamento vasche e tavoli come pure le elettrovalvole dei self service dovranno lavorare a bassa tensione (12 o 24 Volts);
  • pozzetto di decantazione al servizio di ogni vasca per dividere le acque scure dal pelo morto che non raggiungerà così il condotto fognario;

Quelle sopra sono le richieste base di tutte le ASUR poi a seconda delle regioni/provincie possono essere richiesti anche altri requisiti come:

  • impianto d’aspirazione almeno per i fumi e gli odori e spesso anche per il pelo volatile supportato da idonea canna fumaria o impianto a circuito chiuso con filtri assorbenti nel caso in cui le superfici aereo-illuminanti siano sottodimensionate;
  • deumidificatore;
  • certificati di biodegradabilità per i prodotti di consumo (shampoo, balsamo, ecc.);
  • apparecchiature elettriche marchiate Ce;
  • relazione d’impatto acustico;
  • contratto con una ditta di smaltimento rifiuti per smaltire il pelo tagliato.
Promozione toelettatura primavera estate

I documenti richiesti dal Comune per aprire una toelettatura: SCIA e tempi di istruttoria

Per svolgere l’attività è necessario presentare la SCIA (ossia la Segnalazione Certificata di Inizio Attività) per toelettatura animali al SUAP (Sportello Unico per le Attività Produttive) come previsto dall’articolo 19 della Legge 07/08/1990, n. 241.
Tempi di istruttoria di una SCIA

Una volta presentata la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) si può aprire la propria toelettatura. 
Nel caso in cui manchino i requisiti o i presupposti necessari all’esercizio dell’attività, l’Amministrazione competente può emettere, entro 60 giorni dalla ricezione della segnalazione, un provvedimento che impone il divieto di prosecuzione dell’attività e la rimozione di eventuali effetti dannosi. Ove possibile, l’interessato può conformare l’attività e i suoi effetti alla normativa vigente entro un termine, non inferiore a 30 giorni, fissato dall’Amministrazione (articolo 19 della Legge 07/09/1990, n. 241). Quando siano state rese, consapevolmente o inconsapevolmente, false dichiarazioni sostitutive di certificazione e dell’atto di notorietà, l’Amministrazione può adottare un provvedimento di interruzione dell’attività anche dopo che siano trascorsi i sessanta giorni dalla segnalazione. Saranno comunque applicate le sanzioni penali previste dal Decreto del Presidente della Repubblica 28/12/2000, n. 445.

kit asciugatura cani

Le modalità di esercizio dell'attività di toelettatura: di cosa devono essere dotate le toelettature professionali?

L’attività deve essere esercitata in strutture aventi delle caratteristiche ben precise variabili in base alle indicazioni delle ASL; le quali sono diverse per ciascuna sala presente nei locali. E’ la ASL, infatti, a decidere i requisiti che devono avere i locali dove svolgerai la tua attività di toelettatura, con qualche variazione a seconda della città.

In linea di massima è richiesto che il locale sia adibito a uso commerciale o artigianale e che disponga di alcune dotazioni igieniche: pareti lavabili e igienizzabili; guscetta di raccordo tra pareti e pavimento; piletta di scolo delle acque sporche; pozzetto di decantazione (uno per ogni vasca di lavaggio); impianto di aspirazione; una sala d’attesa separata. Inoltre dovrai munirti del certificato di garanzia dell’impianto idrico e di quello elettrico, della valutazione di impatto sonoro e di un attestato sulla biodegradabilità dei prodotti utilizzati.
Di seguito, il dettaglio degli elementi necessari per ciascun sala.

  1. La sala d’attesa (se presente) deve avere le seguenti caratteristiche:
  • una superficie minima di 10 mq.;
  • l’altezza minima del locale di m. 2,70;
  • le pareti devono essere lisce, lavabili ed impermeabili fino ad altezza di m. 2,00;
  • il pavimento deve essere liscio, lavabile ed impermeabile;
  • gli sgusci di connessione fra pareti e pavimento sono consigliati;
  • il sistema di aerazione del locale può essere naturale o attivato.
  1. La sala lavaggio – toelettatura deve avere le seguenti caratteristiche:
  • la superficie minima deve essere di 8 mq.;l’altezza minima del locale di m. 2,70;
  • le pareti devono essere lisce, lavabili ed impermeabili fino ad altezza di m. 2,00;
  • il pavimento deve essere liscio, lavabile ed impermeabile;
  • gli sgusci di connessione fra pareti e pavimento sono consigliati;
  • è consigliata una piletta sifonata a pavimento per facilitare le operazioni di lavaggio e disinfezione;
  • il sistema di aerazione può essere naturale o attivato;
  • la sala lavaggio sarà dotata di almeno un lavandino ed una vasca, entrambi in idoneo materiale e con dotazione di acqua calda e fredda (certificazione dell’installatore circa l’idoneità dell’apparecchio di riscaldamento acqua se generata da sistema di produzione autonomo dell’esercizio);
  • idonei sistemi di contenzione degli animali con sistemi di stabilizzazione/contenimento dell’animale, anche fissati a parete;
  • è obbligatorio prevedere una cappa dotata di idoneo sistema di aspirazione per l’allontanamento dal locale di vapori ed odori derivanti dall’esercizio dell’attività, convogliati in idonea canna di esalazione o analogo idoneo dispositivo che assicuri l’eliminazione di vapori ed odori;
  • si deve garantire il rispetto delle prescrizioni di cui agli artt. 3.4.29 e 3.4.30 relativi ai requisiti termici ed igrometrici previsti dal vigente Regolamento locale d’igiene;
  • tutte le apparecchiature elettriche in dotazione devono essere idonee (marchio IMQ);

Il servizio igienico, riservato al personale, deve essere annesso o almeno funzionalmente collegato ai locali dell’attività.
Nel caso in cui vengano effettuate modifiche strutturali rispetto all’attività precedentemente in essere si deve assumere informazioni presso il SUAP prima di effettuare interventi edilizi.
Tutti gli impianti e le apparecchiature devono essere certificati secondo norma di legge.
Prevedere in ogni caso contenitori, spazi per l’accantonamento e per il corretto smaltimento di deiezioni solide e liquide, escreti, scarti, ecc. e per la detenzione degli apparecchi e detergenti sanificanti per le operazioni di pulizia e disinfezione.
L’attività può essere esercitata in locali di qualsiasi destinazione d’uso esclusi quelli a destinazione residenziale.

L'opportunità di creare una Toelettatura per cani e gatti: alcuni consigli

Non sempre la sola passione per gli animali è sufficiente per fare di una toelettatura per cani e gatti un'attività di successo. Come tutti gli investimenti in una nuova attività, anche la toelettatura è un argomento molto caldo, infatti è evidente che il settore del pet nel mondo e in Italia in particolare è in costante crescita.

Corsi-di-toelettatura

La toeletta per cani e gatti: un settore in continua crescita

La toeletta per cani e gatti è un'attività in continua crescita e diventa sempre più diffusa, ciò perché aumentando il numero di pet nella case degli italiani, aumentano anche i servizi e i prodotti richiesti. Oltretutto, al momento non esiste una certificazione univoca riconosciuta per legge, né un corso di studi ben preciso riconosciuto o richiesto dalla legge. Tuttavia, è consigliabile rivolgersi sempre agli esperti del settore per acquisire una buona dose di conoscenze relative sia al lavaggio del cane; sia all'attrezzatura da toelettatura necessaria e alla la sua manutenzione. Ovviamente non si può trascurare il rispetto delle norme igienico sanitarie locali (dettate dalle ASL regionali) per la riuscita e il successo dell'attività imprenditoriale.

Come nasce una toelettatura: passione per gli animali, attrezzature di qualità e investimento economico.

1. Passione per cani e gatti: il favoloso mondo del toelettatore

In questo settore, molto più che in altri ambiti di lavoro l'amore e la passione per gli animali sono essenziali: il bravo toelettatore deve saperci fare prima di tutto con il suo cliente a 4 zampe e poi con il padrone, il quale starà sempre molto attento sia alla toelettatura (lavaggio, tosatura e acconciatura) sia a tutti gli altri aspetti corollari del servizio, cioè puntualità, affidabilità, qualità degli strumenti... Inoltre, occorre abituarsi al contatto continuo con qualsiasi tipo e razza di cane, occorre sapere come interfacciarsi e come gestire i cani più nervosi; bisogna trasmettere serenità e sicurezza allo stesso tempo. Cortesia e professionalità sono le parole chiave per avere successo in un settore in cui il rapporto fiduciario tra il Toelettatore, il cane e cliente è alla base del successo.

corso-per-toelettatore

2. Il piano di investimento per la riuscita della toeletta

L'investimento iniziale e la realizzazione di un business plan con obiettivi concreti e strategie vincenti è la base per l'apertura e la riuscita di un'attività commerciale. Dal punto di vista economico l'apertura di una toelettatura è un business che funziona anche perché l'investimento iniziale richiesto in genere non supera i 20.000€. Con questa cifra potrai affittare un locale sufficientemente grande e attrezzarlo in modo adeguato con vasche da toelettatura in acciaio o in polietilene; tavoli da toelettatura; soffiatori e phon per cani; gabbie e il resto dell'attrezzatura necessaria. A fronte di questo investimento, se la toelettatura è situata in una zona strategica con un basso tasso di concorrenza e il servizio offerto e di qualità non avrai problemi a ricevere subito una buona clientela. La bravura dell'imprenditore-toelettatore starà dunque nella corretta organizzazione del lavoro e nell'ottimizzazione dei tempi per poter svolgere più lavoro possibile nell'arco delle ore lavorative. Una buona presentazione, un po' di pubblicità, una discreta visibilità online e sui social che sviluppi condivisione e partecipazione nei clienti sono tutte carte vincenti in questo lavoro.

3. Gli aspetti principali da tenere in considerazione per una toelettatura

La location dove sorgerà la toelettatura è di fondamentale importanza: cerca un quartiere ad alta densità abitativa e con alta capacità di spesa. Studia la concorrenza e trova una zona con pochi competitor. Arreda con gusto il tuo locale e rendilo accogliente sia per i cani, sia per i clienti. Rivolgiti a un esperto dell'arredamento negozio che possa consigliarti nella scelta degli strumenti giusti per il tuo punto vendita. Scegli un Logo e un nome accattivante che ispiri allo stesso tempo fiducia e professionalità, specialmente se sei un professionista esperto anche nelle toelettature per esposizioni canine.

Lo stile: i colori e l'arredamento sono l'aspetto più creativo e personale, dovranno, infatti rispecchiare il carattere e, appunto, la personalità del toelettatore e dei suoi collaboratori. Una toeletta per cani e gatti accogliente, dai toni caldi e accesi, colorata e attrezzata con tante foto, premi delle expo o dei concorsi, daranno la sensazione di un ambiente amichevole e alla mano oltre che professionale.

Il rispetto delle norme ASL: ogni ASL regionale ha le sue specifiche normative, pertanto è fondamentale che anche la toelettatura rispetti le norme in questione, dalla dichiarazione di apertura attività alle norme igieniche principali.

La conoscenza delle tecniche e l'attrezzatura: entrambi questi fattori sono prioritari quando si decide di aprire una toelettatura e quando si redige un business plan. Come specificato sopra, la passione e l'amore per gli animali non è sufficiente per una toeletta di successo; una buona dose di conoscenze e un'attrezzatura da toelettatura professionale sono la base per la creazione di un'attività di successo e per l'instaurazione del rapporto fiduciario con i clienti.

Gli attrezzi da toelettatura di qualità: scegli i professionisti del settore

Intraprendere un’attività nel settore della toelettatura richiede formazione, professionalità e anche un buon piano di impresa. Scegli un buon fornitore che si occupi a 360° di tutti gli attrezzi da toelettatura e che ti possa seguire dall'apertura alla piena operatività della toeletta. Affidati a un professionista del settore che ti consigli su tutti i prodotti, come ad esempio phon e soffiatori per cani, che spesso acquistati nei grandi market place non danno le giuste garanzie di funzionamento. Fatti aiutare anche in fase di realizzazione della piantina, in modo da essere pronto nel più breve tempo possibile ad aprire la tua attività con le idee chiare. Non trascurare nemmeno di scegliere attrezzi e strumenti facili da riparare o che non necessitano di manutenzione, Clama proprio per questo motivo ha predisposto un centro assistenza e affilatura testine per tutti i suoi clienti.

I prezzi di una toelettatura e i ricavi: perché conviene aprire una toelettatura

I prezzi di una toelettatura variano in base ai servizi offerti e ai prodotti usati. Generalmente il prezzo per il  lavaggio di un cane di taglia media è di € 20,00; tuttavia il costo del servizio può arrivare fino a 80,00€ per un cane di grande mole e a pelo lungo. Un discorso analogo può farsi per il servizio di tosatura; che può avere un costo che va dai 20 ai 50-60 €. In questo caso, la scriminante sul prezzo non è tanto la lunghezza del pelo, quanto invece la difficoltà del taglio in base alla razza. Ad esempio, la tosatura del Barboncino (che richiede un taglio a forbice) sarà molto più complessa, lunga e costosa rispetto alla tosatura di un meticcio fatta con la semplice tosatrice.

Un servizio completo che include il lavaggio, la tosatura, la pulizia di occhi e orecchie, il taglio delle unghie e la preparazione per un'esposizione canina può avere un costo che varia dai 40 € ai 90 €. A seconda della qualità e della fama del toelettatore, la toelettatura può superare i 100,00 €.

Ricavi

L'aspetto principale da tenere in considerazione quando si apre qualsiasi attività è ovviamente quello dei Ricavi, che devono superare le spese e i costi di gestione per essere remunerativa e durare nel tempo. Per questo motivo, il toelettatore deve decidere attentamente i propri prezzi (deve essere competitivo ma allo stesso tempo valorizzare il proprio lavoro e il proprio tempo) e sapere usare bene i propri strumenti (con la corretta manutenzione).

In genere i ricavi per un bravo toelettatore dipendono per lo più dalla prestazione: maggiore sarà la qualità del servizio prestato maggiore sarà il compenso; per cui si può concludere affermando che la prestazione incide all'incirca un 60-70% rispetto ai costi vivi di gestione e dei prodotti utilizzati.

Clama: un supporto per i nuovi toelettatori e per le toelettatura avviate

Clama, azienda specializzata negli attrezzi da toelettatura e nella fornitura di più di 7000 toelettature in tutta Italia; da anni nel settore del pet, fornisce il proprio supporto e la propria esperienza a chi vuole aprire una toelettatura. I nostri esperti sono a tua disposizione per arredare in modo professionale la tua nuova attività e per rendere altamente remunerativo il tuo salone da toelettatura.

Per contattarci

Compila il form qui sotto.


Come possiamo aiutarti?

Per domande o richieste lascia un commento.